header rsport
 

.

 

.

 

Lunedì, 09 Gennaio 2017 20:31

Pistoia Basket, respinte le dimissioni di Roberto Maltinti

Roberto Maltinti Roberto Maltinti

PISTOIA - Dimissioni respinte, Roberto Maltinti rimane alla guida del Pistoia Basket. Il Consiglio direttivo, infatti, questo pomeriggio ha respinto le sue dimissioni.

Il presidente aveva annunciato -e presentato – le dimissioni in polemica con l'amministrazione comunale sulla questione dei lavori di manutenzione straordinaria del tetto del palazzetto dello sport. Una vicenda nata con la precedente società e che in qualche modo si riverbera sulla nuova. Sulla vicenda è anche in corso un'inchiesta della Procura della repubblica.

“Sono qui a dare le dimissioni – aveva spiegato nella conferenza stampa del 16 dicembre - perché ieri mattina, alle 7.30, mi sono arrivati a casa Finanza e Carabinieri. Credo sia una vergogna quando un Comune manda persone a casa, per portarmi questi fogli. Mi hanno notificato una perquisizione. Nel mio modo di vedere la vita, mi sembrano cose incredibili. Un funzionario (il Segretario generale del Comune) che da dieci anni lavora a Pistoia, ha detto che il palazzetto deve essere dismesso; una persona che riscuote grazie ai cittadini ed ai tifosi del Pistoia Basket. Mi sembra sia uno scandalo. Dicono che la convenzione non è valida e quindi, sarebbe come se fossimo abusivi; non è improbabile che, dal girone di ritorno, si possa trovare una nuova casa, perché da un giorno ad un altro possono chiuderci le porte di casa. Mi preoccupo per la prima squadra, ma soprattutto per le dieci squadre del settore giovanile. Siamo tra le sedici squadre più importanti in Italia ma lo siamo per il nostro Comune? Mi hanno intimato, come presidente della società, di fornire tutta la documentazione per indagare sulla regolarità della convenzione ed a sua volta, se è regolare l'accordo con la società che si è occupata dei lavori. Durante l'estate ho reso la vita impossibile al proprietario della ditta, per la paura che non finisse i lavori ad inizio campionato; ha terminato una settimana prima ed ha fatto tutto a regola d'arte. Adesso questa ditta deve riscuotere 340.000 euro, sulle quali ha pagato l'Iva ed il comune da mesi rimanda il pagamento. Io mi sento in colpa soprattutto per questo e non ci dormo la note”.

Quella conferenza stampa dette l'avvio ad una polemica durissima con il sindaco Bertinelli, che coinvolse anche Alberto Niccolai, presidente del Consiglio comunale, che si dimise in segno di solidarietà a Maltinti

SEDONI 300x425banner