Reportsport-ciclismo
 
.

 

.

 

Venerdì, 12 Gennaio 2018 09:52

Lo storico ritrovo del Bici Club a Narnali

Moser e Gimondi Moser e Gimondi

NARNALI DI PRATO-  Il Bici Club di Prato con il suo appassionato presidente Enzo Ricciarini chiama a raccolta, gli ex protagonisti del ciclismo, campioni e gregari, olimpionici, vincitori di titoli mondiali e italiani, di grande Giri e classiche monumento rispondono.

Si rinnova così il tradizionale appuntamento che festeggia i 40 anni, presso il salone della parrocchia a Narnali di Prato previsto per domani sabato 13 gennaio a mezzogiorno. A chi ha pedalato per migliaia e migliaia di chilometri si aggiungono per questa festa, altri addetti ai lavori, direttori sportivi, tecnici, medici sportivi, organizzatori, personaggi e campioni di altri sport, come il calcio ed il tiro a volo. Enzo Ricciarini con i suoi magnifici e preziosi collaboratori del gruppo Bici Club, è pronto a ospitare tutti. Dal Trentino arriverà sicuramente Francesco Moser, ma l’invito è anche per Gilberto Simoni e per Maurizio Fondriest, altri due trentini grandi protagonisti nel ciclismo. Non dovrebbe mancare questa volta Felice Gimondi ristabilitosi dopo la caduta in Toscana durante L’Eroica ai primi di ottobre; ci sarà il c.t. della Nazionale azzurra, Davide Cassani, quello degli under 23 Marino Amadori.

E poi dal Veneto e dall’Emilia Romagna, dal Piemonte e dalla Liguria, dal Lazio e dall’Abruzzo, dalle Marche e dall’Umbria, oltre naturalmente a tanti toscani capitanati da Franco Bitossi. Tutti assieme lungo le tavolate predisposte nel salone, in questa atmosfera di storie e racconti di strada, già magari sentiti in passato ma riascoltarli è sempre un piacere. Niente discorsi ufficiali e premiazioni, soltanto l’occasione per ritrovarsi. Il menù è fisso, le portate semplici ma buonissime, dall’antipasto ai cantuccini di Prato e di tutto questo il grazie va agli sponsor e amici di Enzo Ricciarini. Una di quei ritrovi che sarebbe piaciuto tanto ad Alfredo Martini, che fino a quando è stato in vita non ne ha perso uno.

ANTONIO MANNORI  

SEDONI 300x425banner